Vademecum in materia di Etichettatura

24 Giugno 20150
etichettatura-legale-degli-alimenti-il-nuovo-regolamento-1169-1024x542.jpg

Vademecum in materia di etichettatura

Acquistando un prodotto alimentare tutti noi compiamo  un’azione  tanto normale quanto importante:  leggiamo  l’etichetta del prodotto che si sta per comperare. Il più delle volte la nostra attenzione cade principalmente sulla data di scadenza, elemento certamente importante, ma c’è molto di più da leggere sulla “carta d’identità” di un prodotto alimentare che stiamo per acquistare e cioè: provenienza, valore nutrizionale  e  modalità di preparazione e conservazione dello stesso, tutte informazioni utili all’acquirente che devono essere vere, chiare e leggibili. Finalmente dopo tanti anni è stato affrontato dalla Commissione Europea l’interessante e delicato tema della salute dei consumatori legato al consumo dei prodotti alimentari. Per tutelare ancora di più il consumatore è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 22 Novembre 2011 il Reg 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Gli obiettivi principali di questa norma sono essenzialmente due: modernizzare le norme sull’etichettatura dei prodotti alimentari e informare correttamente il consumatore affinché possa scegliere in modo più consapevole i prodotti alimentari dei quali si nutre. Un aspetto che tutela e rendere consapevole il consumatore è quello riguardante la dichiarazione nutrizionale:  in una società dove aumentano le patologie legate ad una cattiva alimentazione ( iperglicemia, dislipidemia, ipertensione, obesità) è indispensabile ed obbligatorio per chi produce alimenti introdurre in etichetta la dichiarazione nutrizionale sancita dall’art. 30 del nuovo regolamento che consiste nell’indicare il valore energetico dell’alimento, il suo contenuto in grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale riferiti a 100 gr o 100 ml di prodotto. Tali indicazioni sono utili a consumatori  attenti  al proprio  stato  di salute e che abbiano almeno una piccola infarinatura su quelli che sono i principi base della nutrizione,  da qui l’importanza di rendere sempre più il consumatore formato ed informato in materia nutrizionale.

Ad esempio un soggetto che sa di avere valori alti di grassi nel sangue dovrebbe indirizzare la sua scelta sull’acquisto di prodotti alimentari che non contengono grassi. Così come chi soffre di  ipertensione arteriosa sa che non può consumare alimenti molto ricchi in sale.

Per questo è necessario e obbligatorio che chi produce alimenti indichi la giusta quantità di nutrienti presenti negli stessi. E’ altre sì obbligatorio evidenziare in etichetta l’eventuale presenza di allergeni.

Il consumatore deve essere in grado di leggere subito la tabella nutrizione, non a caso il Reg. 1169/2011 prevede che tale tabella abbia caratteri facilmente leggibili.

Inoltre la Commissione Europea pone molta attenzione sui così detti  claims pubblicitari, infatti non è più possibile da parte dei produttori , a meno ché non sia scientificamente provato, pubblicizzare i propri prodotti come salutistici e di ottimo rimedio contro alcune patologie.  Spot del tipo: “ fa bene al cuore..”; ”abbassa il colesterolo…”; “ aiuta a mantenere il fegato sano…” non sono più ammissibili.

A tal proposito è interessante riportare il provvedimento Agcm n. 24608 del 6/11/2013 che ha sanzionato due note acque per pratica pubblicitaria scorretta, l’espressioni come : “ aiuta a combattere l’ostioporosi…”; “ristabilisce l’equilibrio idrico minerale alterato dopo l’attività fisica..”; “ aiuta a mantenere i reni puliti..” non sono autorizzate e quindi scorrette.

La vittoria dei consumatori però è solo parziale, perchè resta da risolvere la spinosa questione relativa al Paese di origine dell’alimento.

Resta comunque necessaria, ai fini della prevenzione , l’azione di educare tutte le fasce di età ad una sana e consapevole alimentazione così da  poter  fare scelte soggettive e responsabili a partire dal supermercato.


Condividi!

Lascia una risposta

La tua email non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori *