Un reggino alla Scuola Italiana della Dieta Mediterranea,

15 Marzo 20160
dietamediterranea.jpg

Un reggino alla Scuola Italiana della Dieta Mediterranea, Antonio Paolillo Tecnologo Alimentare

La Scuola Italiana della Dieta Mediterranea e’ diventata realtà; è stata costituita l’Associazione no-profit che diventerà Onlus. L’Assemblea Costituente, riunita a Milano il 19 Febbraio, ha definitivamente approvato lo Statuto, le finalità e gli obiettivi; nel Direttivo sono presenti cinque medici esperti nei diversi settori (cardiologia, statistica, internistica,

nutrizione).

La Dieta Mediterranea non è solo un argomento, ma rappresenta uno stile di vita, *lo stile di vita mediterraneo*; la durata e la qualità della vita sono i due obiettivi principali.

Non si tratta solo del settore alimentare ma di tanti anelli di una lunga catena: il terreno dove si producono i cibi, la coltivazione e raccolta, la conservazione, la preparazione e il consumo degli stessi alimenti; conoscere i cibi necessari e quelli utili; consigliare i cibi adatti a chi ne ha bisogno per evitare o limitare i danni organici; infine il modello di vita che bisogna seguire per evitare le malattie a grande diffusione sociale (malattie cardiovascolari e neoplastiche!). Tutti gli anelli della catena debbono essere curati con molta attenzione. *Il cibo è la benzina del motore*. I percorsi sono vari:
– insegnare ai bambini di ogni età e agli adulti cosa mangiare e come
– studiare e conoscere le componenti nutrienti dei vari alimenti
– ricercare le carenze alimentari che si sviluppano dopo l’età matura
per correggere lo squilibrio con cibi che contengono le componenti
mancanti
– correggere i vari fattori di rischio che si acquisiscono nella società
del benessere (fumo, obesità, diabete, sedentarietà, ipertensione
arteriosa)

La SIDMe prepara i corsi di informazione e formazione nelle scuole,
organizza convegni, meeting e workshop per comuni, aziende, industrie.., programma ricerche complete sui vari prodotti alimentari per conoscere il profilo dei macro e micronutrienti, coordina rassegne annuali e biennali di prodotti della filiera mediterranea, studia le carenze alimentari e consiglia cibi che correggono lo stress ossidativo (consultori antistress).
In attesa che la legge Nazionale e quella regionale riescano a
regolamentare tutte le incertezze e anomalie presenti nella gestione
alimentare, la Scuola Italiana è pronta e disponibile ad offrire elementi scientifici e culturali per limitare i danni che quotidianamente si producono alla salute dei cittadini. A dare un sostanziale contributo all’associazione il Tecnologo A​limentare Antonio Paolillo presente a Milano al tavolo dei costituenti.

http://strilleat.strill.it/un-reggino-alla-scuola-italiana-della-dieta-mediterranea-antonio-paolillo-tecnologo-alimentare/


Condividi!

Lascia una risposta

La tua email non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori *