"Oro d'oliva" e necessità di strategie comuni